DI TERRA ISOLANA

sardegna-mirto-bacche

Di terra isolana porto radici di eucalipto

ombra di fico e ricovero di ginepro

Sono il biondo elicriso, la mora selvatica

lo sfiorato rosmarino, il colore di lavanda,

l’aroma di lentisco che si fa olio.

Sono l’intenso del mirto, la sughera dei boschi

l’arancio zafferano e il rossastro corbezzolo.

Maestosa come il leccio mi vesto della furia del vento

E oppongo la forza dell’ulivo.

Sono lo smeraldo del mare quando culla le sue coste

la nostalgia quando si è naufraghi e la sete

quando il pozzo è vuoto

Sono la vita che grida e la morte che rasserena

quando il cerchio fa il suo giro

Annunci