Quotidianità – 1

 

Quotidianità

 

Viaggiando quotidianamente per raggiungere l’ufficio e utilizzando i mezzi, spesso, quando non ho voglia di leggere, mi metto a osservare le persone. Ne sono sempre affascinata, ognuno di quelli che guardo è unico e singolare. Non sono affascinata da tutti, ma alcuni mi colpiscono più di altri. Alcuni li guardo e osservo con attenzione, cerco di entrare nel loro mondo, mi assimilo a loro.

 Immagine

1

Il tipo che sta al centro del tram, nel punto in cui non ci sono posti a sedere è pelato rasato, non tanto alto, sui trenta, trentacinque anni e sta osservando un gruppo di giovani ragazze che vanno a scuola. Si guarda ogni tanto la pancia, leggermente voluminosa, controlla che il giubbotto si chiuda bene, poi comincia a fare degli esercizi di respirazione e si osserva mentre inspira e contemporaneamente fa rientrare la pancia, inoltre apre e chiude la mano come se un dolore reumatico lo avesse colpito. Ogni tanto guarda le ragazze, ma sembra più interessato alle loro scarpe e così faccio anch’io, si domanda che scarpe da ginnastica siano quelle che hanno una zeppa bianca alta circa 5 centimetri, o sono solo io a chiedermelo? Sicuramente il tipo le guarda proprio con quell’aria da dire: “ e ste cose?”.

Ogni tanto il tipo dirige la sua mano sinistra verso la pelata, proprio al centro del cuoio capelluto e passa il pollice con delicatezza dando due o tre piccoli colpetti con l’indice.

Quando le ragazze scendono dal tram con i loro zaini, il tipo sbadiglia esageratamente e assomiglia a un tucano per quel suo modo di abbassarsi e inclinare la faccia verso il basso. Siccome le ragazze hanno lasciato i posti liberi, si siede, abbassa la testa verso il basso, posa la mano sinistra sulla gamba sinistra, ne afferra il muscolo laterale e con la mano destra fa pressione sulla mano appoggiata come in una sorta di stretching salva mano. Nel frattempo salgono dei ragazzi con gli zaini, uno di questi, si capisce dallo sguardo, vorrebbe sedersi nel posto libero a fianco al tipo pelato rasato, ma non osa. Il tipo ora accavalla la gamba destra su quella sinistra e come se si fosse accorto del mio sguardo (rispetto a lui io sono nella parte sinistra del tram, mente lui è a destra e più avanti) tira giù un lembo del pantalone sopra la scarpa, come se si vergognasse delle calze, messe quella mattina, ma soddisfatto delle scarpe indossate. Poi si alza e scende annoiato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...